Blog

Come preparare lo zaino da trekking?

come preparare lo zaino

Dopo aver scelto il tipo di zaino da trekking da acquistare, sulla base della durata dell’escursione, della stagione e della meta che si vuole raggiungere, bisogna decidere che materiale portare con sé.

Fondamentale è eliminare il superfluo

Per un’escursione in montagna, che abbia una durata di qualche giorno, ci sono degli accessori che non possono mancare. Parliamo innanzitutto di una bussola, fondamentale per orientarsi, della corda, un coltellino, un accendino, una torcia, un paio di bastoni da trekking e dei medicinali di emergenza.

Nel caso in cui dovessimo raggiungere una meta sprovvista di luoghi di ristoro, dovremmo portare acqua, un fornello ed un pentolino e lo stretto necessario di cibo. Prima di partire è comunque fondamentale informarsi in merito alla presenza di sorgenti d’acqua ed eventuali punti di ristoro lungo il tragitto.

In montagna il tempo è soggetto a bruschi cambiamenti, per cui potremmo trovarci nel bel mezzo di piogge abbondanti e forti venti, pur essendo partirti in una giornata di sole. Non può mancare una giacca impermeabile e soprattutto un copri-zaino impermeabile, per evitare di bagnare tutto il contenuto.

Consultare le previsioni meteo prima di partire è indispensabile

Dobbiamo tenere anche presente che la temperatura a valle è più mite rispetto a quella ad alta quota. Ogni 100 metri la temperatura di abbassa di 5/6 gradi.

Per la notte da trascorrere in rifugio è consigliato portare un sacco a pelo leggero, biancheria intima, un kit per l’igiene personale, un asciugamano e dei fazzoletti di carta.

L’abbigliamento varierà a seconda della stagione, anche se, per i motivi appena esposti, dobbiamo avere a disposizione indumenti che ci possano proteggere dal freddo e dall’acqua. In commercio ci sono materiali tecnici in grado di mantenere il nostro corpo al caldo, pur avendo una consistenza “leggera”.

Nel corso di un’escursione in montagna è indicato vestirsi a strati!

Come riempire lo zaino da trekking nel modo giusto

Dobbiamo suddividere le attrezzature che abbiamo scelto di portare in questo modo:

  • materiale che non ci servirà nell’immediato (in genere è anche il più pesante!)
  • attrezzatura che potremmo avere la necessità di prendere
  • cose che dobbiamo assolutamente avere a portata di mano

Come regola generale, lo zaino dev’essere bilanciato, evitando di farci pendere da un lato, consentendoci di muoverci in modo sicuro ed equilibrato. Perdere l’equilibrio in montagna può essere estremamente pericoloso.

Trasportare lo zaino da trekking con un carico ben distribuito rende più facile e divertente l’escursione in montagna!  

A seconda dell’itinerario prescelto, la distribuzione dei pesi varierà.

Se il percorso da affrontare è complesso, inserite nella parte inferiore dello zaino da trekking le cose più leggere, come l’abbigliamenti tecnico e il sacco a pelo, ciò che vi servirà una volta giunti a destinazione. Gli elementi più pesanti, come il cibo, fornello e attrezzatura, vanno posti verso lo schienale. Sempre nella parte centrale, ma verso l’esterno, ponete l’attrezzatura di peso medio. Nella parte superiore dello zaino mettete le cose più piccole e di prima necessità. Potrebbe trattarsi di cartine topografiche, occhiali e creme da sole, fazzoletti, acqua, barrette energetiche, salviette disinfettanti e così via.

Se l’itinerario è più semplice, sul fondo andranno sempre le cose più leggere, nella parte centrale i pesi medi e nella parte superiore quelli maggiori.

I materiali tecnologici, come fotocamere, cellulari, batterie di riserva, cavi, vanno inseriti nelle apposite tasche esterne. Nelle tasche interne invece mettete il kit per l’igiene personale.

I bastoni da trekking vanno legati sul lato, con le apposite stringhe presenti sullo zaino.

Qualora decidiate di dormire in tenda, piuttosto che in un bivacco, e abbiate con voi la tenda, posizionatela all’esterno e nella parte alta dello zaino con le cinghie di compressione.

Evitate di appendere oggetti esternamente allo zaino, potrebbero impigliarsi nei rami o rocce e creare situazioni pericolose.

Come riporre il vestiario nello zaino da trekking

Vi consigliamo di arrotolare maglie e calzoni, per risparmiare spazio e per mantenerli indumenti più in ordine, evitando che prendano troppe pieghe. Per i calzoni l’operazione è semplice, dopo aver posto una gamba sopra l’atra, li si arrotola. Per le maglie, bisogna per prima cosa risvoltare la parte sotto di qualche centimetro, ripiegare le maniche verso l’interno, dando all’indumento una forma rettangolare. Poi iniziate ad arrotolare partendo dal collo. Quando arrivate all’altezza del risvolto, rigiratelo ad inglobare la maglietta.

Inserite tutti i capi in buste di plastica, utili a contenere il volume e a mantenere le cose in ordine.

Se vi capita di dover prendere qualche cosa dalla parte centrale dello zaino, togliete le buste superiori, prendete quello che vi serve e poi riponete in tutto com’era prima. Inoltre i panni sporchi vanno sistemati seguendo lo stesso procedimento usati per organizzare quelli puliti. Quindi arrotolateli, non appallottolateli!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *